Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

 

Sensori e software semplificano il controllo della catena di fornitura

La certificazione del controllo della catena di fornitura porta diversi vantaggi

Azienda: QCERTIFICAZIONI
Fonte: rivista "Alimenti&Bevande" n. 6/2022
Data: 12/07/2022


Negli ultimi due anni, a causa dell'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19, si è assistito ad una modifica delle abitudini di consumo di diversi beni, inclusi quelli del settore alimentare. E ora che le attività sono tornate alla normalità, alcuni di questi comportamenti sembrano destinati ad essere manutenuti. Nell'era post-Covid, infatti, l'83% degli italiani è disposto a pagare di più per avere prodotti tracciabili, il 73% spenderebbe una cifra più alta per acquistare specialità alimentari di una particolare area e l'88% per poter riempire il frigorifero e la dispensa con cibo sostenibile a basso impatto ambientale1. I numeri fotografano una forte sensibilità dei consumatori riguardo alla qualità di ciò che acquistano, ma il tema della tracciabilità di prodotti alimentari e di materie prime non è nuovo agli addetti ai lavori. Risale, infatti, al 2005 il regolamento (CE) 178/2002, che obbliga i produttori a garantire la tracciabilità di quanto distribuito sul mercato, dando così la possibilità di ricostruire provenienza e storia di un alimento. Da allora, spinto sia dalla cogenza normativa sia dalle richieste dei clienti, il numero di aziende che ha avviato un percorso di tracciabilità è cresciuto. Ma per i produttori mantenere il controllo sull'intera catena di fornitura non è sempre semplice. Sono molte, infatti, le insidie che possono nascondersi nei tanti passaggi che portano un alimento "dal campo alla tavola".

Catena di fornitura, certificarne il controllo è un'opportunità

Come fare, dunque, per garantire la qualità di un prodotto finito lungo tutto il suo processo produttivo?
Una possibilità è quella di certificare il controllo della catena di fornitura, un percorso che QCertificazioni propone alle aziende di trasformazione, che, in questo modo, potranno essere certe della provenienza e delle modalità di coltura delle materie prime - frutta, verdura o altri prodotti agricoli -, biologiche o meno, che ricevono dai propri fornitori. Il percorso di certificazione prevede l'utilizzo di tecnologie e sensori di ultima generazione per la raccolta dei dati. Queste informazioni riguardano tutti quei fattori che determinano la produttività di una certa quantità di materie prime. Tra di essi rientrano le condizioni metereologiche, l'umidità del campo o l'estensione complessiva dell'area coltivata, ma anche il numero di persone che lavorano all'interno di un'azienda agricola, quello dei macchinari utilizzati e la quantità di ore durante le quali i mezzi agricoli sono stati in funzione. Tali informazioni vengono raccolte, gestite e organizzate da un software specifico che, da un lato, consente a un operatore di controllare in real time che tutte le procedure vengano svolte nel modo corretto e, dall'altro, elabora la produttività attesa in base alle condizioni reali registrate dai sensori. Nel caso in cui i risultati evidenzino delle difformità o incongruenze rispetto a quanto effettivamente consegnato al produttore, si procede con dei controlli sul campo, che confermeranno o smentiranno i dati raccolti.

I vantaggi della certificazione

La certificazione del controllo della catena di fornitura, nelle modalità descritte, porta diversi vantaggi. Il primo, è relativo alla qualità del prodotto finale, le cui materie prime agricole vengono controllate in ogni passaggio dalla semina alla consegna. Il secondo, riguarda i costi: un monitoraggio da remoto non solo è più accurato e costante rispetto a quello che avviene con metodi più tradizionali, ma è anche meno oneroso. Gli ispettori, infatti, non dovranno recarsi sul posto e verificare di persona ogni passaggio, ma ciò avverrà a distanza, a meno che non sia necessario un sopralluogo. Il terzo riguarda la selezione dei fornitori; tali sistemi di monitoraggio privilegiano e valorizzano i fornitori migliori, scoraggiando invece le realtà meno trasparenti. Da ultimo, al momento di immettere il prodotto finale sul mercato, l'azienda sarà in grado di dimostrare con assoluta certezza al consumatore la qualità e la tracciabilità del bene.

di Fabio Bianciardi
Responsabile Commerciale QCertificazioni



Richiedi maggiori informazioni



Altri prodotti della stessa azienda:

Benessere animale, i consumatori chiedono un'etichettatura chiara
Report di sostenibilità: uno strumento in più per comunicare l'impegno aziendale
Il pomodoro più "buono"? Quello che rispetta l'ambiente e le persone
Anche i prodotti alimentari combattono il cambiamento climatico
Vino biologico, sostenibile e di qualità
Obiettivi ONU per lo sviluppo sostenibile: l'apporto delle imprese
Biologico: al via il nuovo regolamento, con uno sguardo alla sostenibilità
"Sano" sì, ma anche "giusto": quando "biologico" si fonde con "responsabile"
Brexit, cosa cambia per importare o esportare i prodotti bio
Fungicidi, il fosetil-alluminio nelle produzioni biologiche e convenzionali
L'importazione di prodotti bio dai Paesi a rischio
L'etichettatura dei prodotti bio
Un organismo trasparente e indipendente per garantire l'affidabilità dei prodotti biologici