Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

 

L'analisi del lattosio nel controllo di alimenti lactose free

Il laboratorio Tentamus Agriparadigma ha messo a punto un metodo di analisi, validato e accreditato Accredia, sulla matrice alimenti

Azienda: GRUPPO TENTAMUS ITALIA
Fonte: rivista "Alimenti&Bevande" n. 9/2022
Data: 07/12/2022


Il lattosio è naturalmente presente solo nel latte, dove è il principale zucchero, e nei suoi derivati.
In Italia si stima che circa il 50% della popolazione sia intollerante a questo componente, come riportato dall'Autorità Europea per la Sicurezza alimentare (EFSA).

Allergie e intolleranze

Le allergie alimentari sono reazioni avverse agli alimenti o ad alcune sostanze in essi contenute, che derivano dall'attivazione del sistema immunitario, con segni e sintomi che posso variare da lievi a gravi.
Le intolleranze alimentari, invece, sono reazioni indesiderate del nostro organismo, scatenate dall'ingestione di uno o più alimenti (o sostanze attive) e i cui sintomi possono comparire anche a distanza di tempo dal consumo dell'alimento responsabile, con una sintomatologia associata piuttosto variabile.

Soglia di tolleranza

La digestione del lattosio avviene nell'intestino tenue ad opera dell'enzima lattasi. La sua funzione è quella di scindere il lattosio in glucosio e galattosio, che sono poi in grado di essere assimilati dal nostro corpo; l'intolleranza al lattosio si verifica in caso di carenza proprio di questo enzima.
Considerati i sondaggi e l'esperienza di AILI - Associazione Italiana Latto Intolleranti, i prodotti con una concentrazione di lattosio < 0,1% possono non essere tollerati dalle persone intolleranti al lattosio. Di conseguenza, l'industria si è orientata verso la produzione di prodotti alimentari con concentrazione di lattosio < 0,01%.

La Soluzione - Tentamus Agriparadigma

Questa esigenza ha indirizzato il laboratorio Tentamus Agriparadigma nella messa a punto di un metodo di analisi validato e accreditato Accredia, nel 2018, sulla matrice alimenti, con un limite di quantificazione uguale a 0,001%, corrispondente a 10 mg/kg.
Tale metodo è riportato sinteticamente di seguito:

• estrazione: il campione si estrae con acqua e soluzione Carrez. L'estratto viene centrifugato e filtrato;
• analisi strumentale: l'estratto si analizza mediante cromatografia ionica a scambio anionico con rivelatore amperometrico pulsato. La determinazione qualitativa viene eseguita tramite confronto del tempo di ritenzione rispetto allo standard esterno, mentre il dato quantitativo si ottiene per estrapolazione del valore di concentrazione dalla curva di calibrazione.



Richiedi maggiori informazioni



Altri prodotti della stessa azienda:

Analisi di residui di prodotti fitosanitari: metodi, normativa ed interpretazione
Esperienza, professionalitĂ  e dedizione al servizio della sicurezza alimentare
Il ruolo dei laboratori privati nel controllo di prodotti derivanti da agricoltura bio
Glifosato, normativa e analisi dei residui in matrici di origine vegetale
I laboratori e l’innovazione nei criteri microbiologici applicabili agli alimenti
Previsione e verifica della shelf-life nei prodotti alimentari
Sanitizzazione nelle aziende alimentari, il ruolo dei laboratori di analisi
Tentamus Agriparadigma: da azienda locale a parte di una multinazionale
I laboratori di analisi e la catena del freddo
Un partner sicuro ed affidabile per campionamento e analisi chimiche, fisiche e microbiologiche