Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Prodotti UE di alta qualità e sostenibili, stanziati 186 mln di euro per promuoverli

Fonte: Commissione europea
Data: 21/12/2022


La Commissione europea stanzierà 185,9 milioni di euro nel 2023 per finanziare attività di promozione dei prodotti agroalimentari sostenibili e di alta qualità dell'UE nell'Unione e nel mondo. Il programma di lavoro 2023 relativo alla politica di promozione, adottato nei giorni scorsi dalla Commissione, contribuisce alla realizzazione delle priorità politiche dell'istituzione europea per il periodo 2019-2024 e, in particolare, della strategia "Dal produttore al consumatore".
Si prevede che i progetti di promozione selezionati per il 2023 mettano in luce e favoriscano prodotti conformi a obiettivi quali la sostenibilità dell'agricoltura dell'UE, il miglioramento del benessere degli animali e la promozione del consumo di frutta e verdura fresche e di regimi alimentari sani e sostenibili.
Gli importi disponibili per le campagne selezionate per il 2023 sono suddivisi pressoché equamente tra la promozione sul mercato interno dell'UE e quella nei Paesi terzi, con dotazioni rispettivamente di 83,3 milioni di € e 83,1 milioni di €.
Le campagne selezionate informeranno i consumatori dell'UE e del resto del mondo in merito ai vari regimi e alle diverse etichette di qualità dell'UE, quali le indicazioni geografiche o i prodotti biologici. Quest'ultima categoria beneficerà di finanziamenti per un importo massimo di 28 milioni di euro destinati a incentivare la domanda di prodotti biologici, in linea con il Piano d'azione per la produzione biologica. Una dotazione aggiuntiva di 36 milioni di € andrà a sostegno della promozione di pratiche agricole sostenibili benefiche per il clima, l'ambiente e il benessere degli animali e per il consumo di prodotti agroalimentari ottenuti in modo sostenibile.
Gli inviti a presentare proposte per le prossime campagne del 2023 saranno pubblicati nel gennaio dell'anno prossimo dall'Agenzia esecutiva europea per la ricerca. Organismi di varia natura, tra cui associazioni professionali, organizzazioni di produttori e gruppi agroalimentari responsabili delle attività di promozione, possono presentare proposte e richiedere finanziamenti. I cosiddetti programmi "semplici" possono essere presentati da una o più organizzazioni del medesimo Stato membro. I programmi "multipli" coinvolgono come minimo due organizzazioni nazionali provenienti da almeno due Stati membri o da almeno una o più organizzazioni europee.