Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Antibiotico-resistenza, relazione Efsa-Ecdc

Fonte: Efsa
Data: 13/06/2013


La terza relazione congiunta Efsa-Ecdc sulla resistenza agli antimicrobici nei batteri zoonotici che interessano esseri umani, animali e alimenti evidenzia il perdurare di resistenza a una serie di antimicrobici in Salmonella e Campylobacter, i principali batteri responsabili delle infezioni di origine alimentare nell’Unione europea.
La relazione si basa sui dati raccolti dagli Stati membri dell’UE per il 2011.
Un’elevata percentuale di batteri Campylobacter, la principale causa delle malattie di origine alimentare nell’UE, rilevati negli esseri umani, negli animali destinati alla produzione alimentare e negli alimenti, è risultata resistente alla ciprofloxacina, un antimicrobico di importanza fondamentale, a fronte di un basso livello di resistenza registrato per un secondo antimicrobico di importanza primaria: l’eritromicina.
Complessivamente nell’UE la co-resistenza agli antimicrobici di importanza primaria è risultata bassa: ciò significa che vi sono ancora disponibili opzioni per il trattamento delle gravi infezioni causate da questi batteri. Si è inoltre registrata un’elevata resistenza per gli antimicrobici di uso comune.
In Salmonella la plurifarmacoresistenza, ovvero la resistenza ad almeno tre diverse classi di antimicrobici, è stata complessivamente elevata nell’UE. Nell’uomo un’alta percentuale di Salmonella si è rivelata resistente agli antimicrobici di uso comune; lo stesso risultato si è osservato negli animali, in particolare suini e tacchini. È stata osservata inoltre un’elevata resistenza alla ciprofloxacina in isolati da pollame. Si sono riscontrati, tuttavia, bassi livelli di co-resistenza ad antimicrobici di importanza fondamentale in Salmonella isolata da esseri umani, animali destinati alla produzione alimentare e alimenti.
“Se non vogliamo perdere la possibilità di utilizzare alcuni antimicrobici che oggi rappresentano un trattamento efficace delle infezioni batteriche nell’uomo, servono sforzi congiunti nell’UE, che vedano la partecipazione degli Stati membri, degli operatori sanitari, dell’industria, degli allevatori e di molti altri soggetti”, spiega Bernhard Url, responsabile della direzione “Valutazione del rischio e assistenza scientifica” dell’Efsa.
Aggiunge il direttore dell’Ecdc, Marc Sprenger: “Con una sorveglianza armonizzata della resistenza agli antimicrobici in isolati da esseri umani e animali potremo predisporre opportune informazioni in vista di azioni efficaci per prevenire l’ulteriore diffusione della resistenza agli antimicrobici nell’uomo. Per agevolare la comparabilità dei dati a livello UE, l’Ecdc continuerà a incoraggiare gli Stati membri a utilizzare i metodi e le linee guida emanati dall’Eucast (Comitato europeo sui test di suscettibilità antimicrobica). Inoltre, l’Ecdc continuerà a coordinare la Giornata europea degli Antibiotici, un’iniziativa europea per la salute, che fornisce una piattaforma e un supporto per le campagne nazionali sull’uso prudente degli antibiotici negli esseri umani”.