Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Etichetta sostenibile, SIMA e Università di Bari propongono il sistema "Med Index"

Fonte: SIMA
Data: 27/10/2022


La Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e il gruppo di ricerca del centro "Cibo in Salute" dell'Università di Bari hanno sviluppato il sistema di etichettatura "Med Index", concepito per comunicare ai consumatori la sostenibilità dei prodotti alimentari.
Gli ideatori hanno spiegato il suo funzionamento e i suoi vantaggi sulle pagine della rivista internazionale "Journal of Functional Foods".
"Med Index - si legge in un comunicato di SIMA - è concepito come un'etichetta olistica, completa e applicabile dai produttori alimentari in quanto basata su criteri misurabili, ampiamente condivisi dagli stakeholder, ma generalmente adottati su base individuale. Copre, inoltre, i tre pilastri della sostenibilità (nutrizionale, ambientale e sociale), con la valutazione di 27 criteri (9 per ogni pilastro), la cui presenza o assenza è resa immediatamente visibile al consumatore attraverso un unico sistema di etichettatura positiva. Nessun algoritmo complicato o onere di lavoro per le aziende che desiderano utilizzarlo, ma una checklist convalidata che "aggrega" e "riassume" una serie di informazioni e certificazioni già utilizzate, spesso frammentate, non immediatamente visibili o in grado di attirare l'attenzione del consumatore, incidendo sulla percezione del valore del prodotto".
"Nel 2024 la Commissione europea esaminerà le proposte di etichettatura degli alimenti mirate ad aumentare la consapevolezza nell'acquisto di alimenti sostenibili - afferma Alessandro Miani, presidente SIMA -. Assieme al gruppo di ricerca del centro "Cibo in Salute", coordinato dalle professoresse Maria Luisa Clodoveo e Filomena Corbo, abbiamo voluto studiare un sistema che oltre a fornire nuove e più complete informazioni ai consumatori, promuova una alimentazione sana come la Dieta Mediterranea che, secondo tutte le evidenze scientifiche, rappresenta un fattore determinante di prevenzione, contrastando il rischio di insorgenza di importanti patologie croniche come diabete, ipertensione arteriosa ed obesità, oltre ad avere impatti positivi sull'ambiente".
"Il Med Index- commenta Maria Lisa Clodoveo - correla la densità energetica della porzione di alimento all'attività fisica necessaria per bilanciare l'input calorico, promuovendo un'attività fisica regolare, ma soprattutto incrementa la consapevolezza all'acquisto di cibi sani e sostenibili poiché rompe l'asimmetria informativa che caratterizza spesso il mercato dei prodotti alimentari".