Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

Exberry_dicembre 2020_leaderboard

 

Tetrodotossine nei molluschi bivalvi, primo rilevamento nell'Adriatico settentrionale

Fonte: IZSVe
Data: 11/10/2021


Analisi di laboratorio condotte dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) su alcune cozze provenienti dalla laguna di Marano, in provincia di Udine, hanno riscontrato una presenza notevole di tetrodotossine, sostanze tossiche che costituiscono un serio rischio per la salute dei consumatori, note anche come "veleno del pescepalla".
Le analisi svolte e i loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Food Control dai ricercatori dell'IZSVe, in collaborazione con esperti del Centro di Ricerche Marine di Cesenatico (Laboratorio nazionale di riferimento per il Monitoraggio delle Biotossine marine), dell'Università "Federico II" di Napoli, del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare (CoNISMa) e dell'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Friuli Venezia Giulia (ARPA FVG).

Il veleno del pesce palla

Le tetrodotossine sono neurotossine con effetti potenzialmente letali per l'uomo: se ingerite ad alte dosi possono bloccare la conduzione nervosa, provocando paralisi e blocchi cardiorespiratori. Sono note comunemente come "veleno del pesce palla", in quanto sono state identificate per la prima volta in questa famiglia di pesci (tetrodontidi). I pesci palla convivono, infatti, con batteri simbionti produttori di tetrodotossine: per questo mangiare la loro carne è molto rischioso.
Gli avvelenamenti da tetrodotossine sono frequenti in diversi Paesi del sud-est asiatico nei quali viene fatto largo consumo di questi pesci, come ad esempio Giappone, Taiwan e Bangladesh. In Giappone, in particolare, il pesce palla è alla base di un piatto tradizionale chiamato fugu, che per legge può essere preparato solo da cuochi autorizzati con una licenza speciale, rilasciata dalle autorità sanitarie a seguito di un esame molto selettivo.
Nell'Unione Europea e in molti altri Paesi del mondo, invece, il commercio dei tetrodontidi per scopi alimentari è vietato.

Le tetrodotossine nei mari europei

I campioni erano stati prelevati dai Servizi veterinari dell'Azienda sanitaria locale competente nell'ambito dei programmi di monitoraggio e controllo ufficiale degli allevamenti di acquacoltura. Si tratta del primo rilevamento di queste sostanze in molluschi bivalvi provenienti dall'area settentrionale del Mare Adriatico, e della quantità più alta mai riscontrata in molluschi bivalvi europei.
Le tetrodotossine sono presenti non solamente nei pesci palla, ma anche in diverse altre specie ittiche come i polpi dagli anelli blu (Hapalochlaena) e in vari crostacei e gasteropodi marini.
Tradizionalmente, in Europa la presenza di queste sostanze negli organismi acquatici non era considerata una minaccia rilevante per i consumatori. Solo in tempi recenti ricercatori e autorità hanno iniziato a occuparsi di questo rischio, in seguito alla diffusione nel Mediterraneo di specie invasive note per essere portatrici di tetrodotossine, come il pesce palla argenteo (Lagocephalus sceleratus).
Nel 2008 è stata segnalata la prima intossicazione umana da tetrodotossine in Europa, avvenuta in Spagna e dovuta al consumo di un gasteropode contaminato proveniente da mari portoghesi. Inoltre, negli ultimi anni Paesi come il Regno Unito, la Grecia, i Paesi Bassi e l'Italia hanno segnalato la presenza di tetrodotossine in numerosi campioni di molluschi bivalvi, anche specie importanti per l'acquacoltura europea come le cozze (Mytilus sp.) e le ostriche (Crassotea Gigas).

La rilevazione nelle cozze della laguna di Marano

In questo contesto si inserisce la segnalazione effettuata dai ricercatori dell'IZSVe, che hanno riscontrato la presenza di tetrodotossine in alcuni campioni di cozze del mediterraneo (Mytilus galloprovincialis) prelevati nel maggio 2017 e nel maggio 2018 dalla laguna di Marano, in provincia di Udine.
I campioni erano stati prelevati dai Servizi veterinari dell'Azienda sanitaria locale competente nell'ambito dei programmi di monitoraggio e controllo ufficiale degli allevamenti di acquacoltura presenti sul territorio. Le analisi hanno riscontrato nelle cozze un accumulo di tetrodotossine pari a 541 μg/kg nei campioni del 2017 e 216 μg/kg in quelli del 2018: la quantità più alta di queste sostanze mai riscontrata in molluschi bivalvi europei.
Per cercare di comprendere meglio questo fenomeno i ricercatori dell'IZSVe stanno continuando a monitorare i molluschi delle aree lagunari dell'Alto Adriatico attraverso un progetto di Ricerca Corrente finanziato dal Ministero della Salute (RC 01/19). Lo studio è ancora in corso, ma dai primi dati raccolti sembra emergere che il periodo delle contaminazioni sia delimitato alla tarda primavera.