Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

 

L'azoto nell'industria alimentare: come, dove e perché si usa

Le tecnologie di confezionamento in atmosfera modificata sono sistemi ben collaudati per rallentare il deterioramento degli alimenti con un utilizzo ridotto, o nullo, di sostanze conservanti.

Azienda: PNEUMATECH MULTIAIR ITALIA
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 1/2020
Data: 13/02/2020


Le tecnologie di confezionamento in atmosfera modificata (Modified Atmosphere Packaging, Map), diffuse negli ultimi decenni, sono sistemi ben collaudati per rallentare il deterioramento degli alimenti con un utilizzo ridotto, o nullo, di sostanze conservanti.

I sistemi MAP e le atmosfere protettive prevedono di utilizzare miscele di gas per rallentare, fino ad eliminare completamente, l'attività di degrado del prodotto dovuto alla proliferazione di microrganismi, prolungandone così la vita utile.

Il confezionamento in atmosfera modificata è molto diffuso tra prodotti diversi tra di loro: frutta e ortaggi; carni e pesce; caffè; spezie; thè o latte in polvere; prodotti caseari; pasta fresca e secca; prodotti di panificazione; snack; frutta secca; conserve; oli e grassi alimentari; succhi; vini e birra.

L'uso dell'azoto

Tra i gas utilizzati per le tecnologie Map c'è l'azoto (N2), che è molto usato per le sue proprietà di gas inerte, è insolubile nell'acqua e nei grassi ed è di facile reperibilità.

L'azoto può essere prodotto nella tua azienda attraverso un generatore d'azoto Pneumatech: è un dispositivo che, alimentato da un compressore, è in grado di separare i principali componenti dell'aria, concentrando l'azoto fino a percentuali di purezza molto elevate.

L'azoto di grado alimentare è classificato come additivo con il numero E941 come gas per il confezionamento. Quando entra in contatto diretto con il cibo, secondo la normativa vigente, deve avere una purezza minima pari al 99,5% (5000 ppm di O2 residuo).

I vantaggi:

· gas sempre pronto ai tuoi bisogni, senza alcun vincolo, con fornitori monopolistici;
· riduzione dell'attività amministrativa riguardante continui ordini, fatture e pagamenti;
· massima sicurezza di utilizzo, senza pericoli di movimentazione di bombole in alta pressione o di gas criogenici a -190 °C;
· controllo totale sulla purezza del gas prodotto;
· minimi costi di utilizzo.

Questi fattori rendono la generazione di gas sul posto un investimento estremamente attraente, con tempi di rientro molto rapidi, spesso inferiori ai due anni.

Richiedi l'informativa gratuita sui generatori d'azoto per la tua industria del settore alimentare! 

Manda una mail a pneumatech@multiairitalia.com oppure chiama lo 0444 703808.