Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo
Cerca per Prodotto
Cerca per Azienda

 

Le certificazioni internazionali BRC ed IFS Food, come soddisfare la grande distribuzione organizzata

All’applicazione di questi standard sono interessate tutte le aziende dell’industria alimentare, indipendentemente dalla dimensione e dalla complessità, ma in particolare le aziende fornitrici di prodotti a marchio del distributore/dettagliante.

Azienda: AGROQUALITÀ
Fonte: rivista 'Alimenti&Bevande' n. 6/2009
Data: 01/06/2009


Gli standard internazionali BRC Global Standard for Food Safety e IFS International Food Standard sono stati sviluppati dalle associazioni che raggruppano le principali organizzazioni della distribuzione organizzata europea per assicurare che i prodotti oggetto di queste certificazioni siano conformi alle normative cogenti, sicuri dal punto di vista della salubrità e rispondano alle caratteristiche di qualità dichiarate.

Gli standard BRC e IFS si equivalgono per scopi e obiettivi generali, ovvero soddisfare pienamente gli obblighi legislativi e garantire la salute del consumatore attraverso i seguenti controlli:

• delle materie prime, dei semilavorati e dei prodotti finiti;
• delle infrastrutture adibite alle lavorazioni, allo stoccaggio e alla conservazione dei prodotti;
• delle risorse che operano nella lavorazione e nella conservazione dei prodotti.

Gli standard richiedono, in sintesi:

• l’attuazione del sistema di autocontrollo HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Point), sviluppato secondo i principi del Codex Alimentarius;
• l’adozione di un sistema di gestione della sicurezza alimentare documentato ed efficace;
• il controllo dei requisiti del sito, dei prodotti, dei processi e del personale all’interno della struttura produttiva.

All’applicazione degli standard BRC ed IFS sono interessate tutte le aziende dell’industria alimentare, indipendentemente dalla dimensione e dalla complessità, ma in particolare le aziende fornitrici di prodotti a marchio del distributore/dettagliante. Si tratta, infatti, di certificazioni non rivolte direttamente al consumatore finale, ma indirizzate specificamente al settore industriale (“business to business”).

Il vantaggio per le organizzazioni certificate secondo gli standard BRC e IFS consiste nel poter ampliare il ventaglio dei propri clienti, grazie alla riconoscibilità internazionale di questi standard e all’inserimento dei propri riferimenti su siti internet dedicati, il che incrementa la visibilità e facilita la ricerca su scala internazionale di prodotti e aziende, suddivisi per categoria.

Agroqualità spa è una società di certificazione specializzata nel settore agroalimentare, partecipata dal RINA e dalle Camere di Commercio italiane.

L’azienda fornisce numerosi servizi certificativi – dalla ISO 22000:2005 alla ISO 22005:2007, dal BRC all’IFS al GlobalGap, dal controllo delle produzioni a denominazione di origine all’etichettatura facoltativa delle carni bovine – necessari oggi all’industria agroalimentare per un’appropriata qualificazione del prodotto e per un miglioramento della competitività su mercati nazionali ed esteri sempre più selettivi.



Richiedi maggiori informazioni



Altri prodotti della stessa azienda:

Le certificazioni "free from"
Il futuro è sempre più bio
Perché la blockchain nel settore agroalimentare?
Lo standard UNI EN 16636: servizi di gestione e controllo delle infestazioni
La certificazione degli imballaggi a contatto con gli alimenti
Tutela delle tipicità: la certificazione delle produzioni Dop e Igp
Certificazione per la qualità dei prodotti ortofrutticoli e non solo…
Etichettatura delle carni, informazioni obbligatorie e facoltative