Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Etichettatura nutrizionale, al via consultazione pubblica

Fonte: EFSA
Data: 29/11/2021


Nutrizionisti e altri esperti hanno la possibilità di aiutare l'EFSA a dare gli ultimi ritocchi a un suo parere scientifico. Questo costituirà la base sulla quale i politici svilupperanno il futuro sistema UE di etichettatura dei nutrienti da apporre sulla parte anteriore delle confezioni alimentari. Il parere preciserà inoltre le condizioni in base alle quali limitare le indicazioni nutrizionali e sulla salute apposte sui prodotti alimentari.
Nell'ambito della strategia "Dal produttore al consumatore", la Commissione europea ha chiesto all'EFSA all'inizio del 2021 di fornire consulenza scientifica sulle sostanze nutritive e sui componenti non nutritivi negli alimenti di rilevanza per la salute pubblica degli europei, sui gruppi alimentari con incidenza rilevante nelle diete europee e sui criteri scientifici per orientare la scelta dei nutrienti a fini di profilazione nutrizionale. La Commissione ha in programma di proporre una nuova legislazione in materia alla fine del 2022.

Una base scientifica per assistere i decisori politici dell'UE
"Ricordiamo a tutti gli interessati a tale argomento - ha affermato Valeriu Curtui, a capo dell'Unità di "Nutrizione umana" dell'EFSA - che la nostra consulenza mira a fornire il supporto scientifico per elaborare i modelli di profilazione dei nutrienti e limitare le pretese salutistiche sulle etichette da apporre sulla parte anteriore delle confezioni. Questa stesura preliminare del parere, tuttavia, non esprime una valutazione né propone un modello particolare di profilazione nutrizionale per l'etichettatura dei nutrienti sulla parte anteriore delle confezioni".
Quali gli elementi di rilievo in questa bozza di parere? "Nel testo - spiega Alfonso Siani, a capo del gruppo di lavoro di esperti EFSA che ha contribuito alla stesura del parere scientifico - diamo indicazioni ai responsabili politici su quali nutrienti e componenti non nutritivi degli alimenti considerare ai fini di una loro inclusione in modelli di profilazione nutrizionali ove apporti eccessivi o inadeguati siano associati a rischi di malattia a lungo termine".
La bozza di parere conclude, tra l'altro, che nei modelli di profilazione nutrizionale si potrebbe tener conto dei seguenti elementi:

• considerata l'alta prevalenza di sovrappeso e obesità in Europa, è importante prevedere una diminuzione dell'assunzione di energia per la salute pubblica delle popolazioni europee;
• nella maggior parte delle popolazioni europee l'assunzione di grassi saturi, sodio, zuccheri aggiunti/liberi supera i limiti raccomandati e un'assunzione eccessiva si associa a effetti negativi sulla salute;
• nella maggior parte delle popolazioni adulte europee l'assunzione di fibre e potassio tramite la dieta è inadeguata e assunzioni inadeguate si associano a effetti negativi sulla salute.

La bozza osserva anche che, in specifiche sotto-popolazioni, l'assunzione di ferro, calcio, vitamina D, folato e iodio è inadeguata, ma affrontata solitamente da politiche nazionali e/o raccomandazioni individuali.
"Sebbene la scelta dei nutrienti e dei non-nutrienti in un modello di profilazione dei nutrienti dovrebbe essere guidata principalmente dalla loro rilevanza per la salute pubblica - ha aggiunto Siani - essi possono venire inclusi anche per altre motivazioni, ad esempio l'esigenza di dare priorità ad alcuni alimenti anche quando la scienza non abbia chiarito al 100% che è necessario un aumento del loro consumo per motivi di salute pubblica. Per esempio, i gestori del rischio possono decidere di includere alcuni omega-3 nei modelli di profilazione dei nutrienti per incoraggiare il consumo di pesce grasso in linea con le loro raccomandazioni nutrizionali, anche se i dati sull'assunzione di tali acidi grassi sono insufficienti a concludere se il consumo sia quantitativamente adeguate o meno."

Gruppi alimentari nelle diete degli europei e raccomandazioni a livello nazionale
"Il nostro parere include anche considerazioni scientifiche riguardo ai gruppi di alimenti che hanno un ruolo importante nelle diete degli europei", ha affermato Siani.
Questi gruppi comprendono cibi amidacei (soprattutto cereali e patate), frutta e verdura, legumi e legumi, latte e latticini, carne e prodotti a base di carne, pesce e crostacei, noci e semi, e bevande non alcoliche, come riconosciuto dalle linee guida nutrizionali nazionali basate sugli alimenti negli Stati membri. Il loro ruolo nella dieta e relativi contributi variano da un Paese all'altro a causa delle diverse abitudini e tradizioni alimentari.
Siani ha poi aggiunto: "Le linee guida nazionali incoraggiano il consumo di cereali integrali, frutta e verdura, noci e semi, latte e latticini a basso contenuto di grassi, pesce e acqua. Invece i prodotti alimentari che a causa di trasformazioni alimentari hanno un alto contenuto di grassi saturi, zuccheri e/o sodio vengono scoraggiati, anche all'interno di tali categorie alimentari. Promuovono inoltre anche il regolare consumo di legumi e legumi al posto della carne (in particolare carni rosse e carni lavorate) e di oli vegetali ricchi di grassi monoinsaturi e polinsaturi invece di quelli ricchi di grassi saturi".

La consultazione pubblica resterà aperta fino al 9 gennaio 2022. Dopodiché l'EFSA definirà il parere conclusivo. Per consultate la bozza e partecipare alla consultazione pubblica, cliccare qui