Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Grano, protocollo Cia-Italmopa per una "filiera bio equa italiana"

Fonte: Cia
Data: 22/02/2022


Collaborare per sviluppare e promuovere insieme progetti di filiera del grano 100% biologico italiano, con l'obiettivo di soddisfare i requisiti di qualità e sostenibilità e di garantire il giusto prezzo a tutti i soggetti coinvolti. Questo il senso del protocollo d'intenti siglato il 15 febbraio a Roma dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, e dal presidente della Commissione Prodotti biologici di Italmopa, Nicola De Vita.
Lo scopo delle due organizzazioni è quello di costruire una vera e propria "filiera bio equa italiana", partendo dai primi anelli della filiera, vale a dire produttori agricoli e industria molitoria, per poi allargarlo agli altri attori, fino alla grande distribuzione organizzata.
Alla base del protocollo, la consapevolezza della centralità del settore biologico, sia per i consumatori, sia per le nuove politiche comunitarie e nazionali, dalla Pac al Green Deal al Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, in un'ottica di maggiore sostenibilità ambientale, economica e sociale.
Con il protocollo d'intenti firmato, Cia e Italmopa intendono inoltre adoperarsi per promuovere equi accordi commerciali fra i soggetti coinvolti, improntati al giusto prezzo, con l'impegno a collaborare per la definizione dell'opportuno meccanismo di definizione dei prezzi, della tipologia di contratti e della loro durata. Inoltre, le due organizzazioni vogliono condividere gli obiettivi di qualità, dai requisiti della materia prima agli sfarinati al prodotto finito, nonché valorizzare la trasparenza e la tracciabilità delle filiere, l'origine italiana del grano biologico ovvero le specifiche aree territoriali regionali vocate del Paese.
L'obiettivo finale resta quello di comprendere, in tali accordi di filiera, tutti i soggetti coinvolti, dai produttori agli stoccatori, dai primi e secondi trasformatori alla Gdo.