Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

 

Export Cina, nota ministeriale su controlli ufficiali in allevamento e al macello

Fonte: @nmvi Oggi
Data: 27/09/2019


La Direzione generale per l'Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione (DgISAN) ha trasmesso ai Servizi Veterinari indicazioni specifiche sulle modalità di svolgimento dei controlli ufficiali riguardanti gli allevamenti che movimentano suini verso i macelli abilitati ad esportare in Cina e questi ultimi.

La nota ministeriale - inviata il 18 settembre alle Regioni - dettaglia le modalità del controllo ufficiale a seconda del contesto produttivo in cui si posiziona l'attività di macellazione, sia che si tratti di fornitori di materia prima per prodotti trasformati destinati all'export verso la Cina, sia di esportazione diretta verso la Cina di carne non trasformata.

I requisiti sanitari per le due tipologie di prodotti esportabili, anche se non riportati nel nuovo modello di certificato, devono comunque essere garantiti sulla base degli accordi sottoscritti tra Italia e Cina. Pertanto, il veterinario certificatore presso lo stabilimento di trasformazione deve necessariamente ricevere dal macello le opportune informazioni di tracciabilità.

Solo i macelli riportati nella lista degli impianti abilitati ad esportare in Cina possono fornire carni fresche suine per la produzione di prodotti esportabili in Cina.

I macelli devono ricevere dagli allevamenti che forniscono i suini le garanzie riportate nell'Attestazione sanitaria integrativa - Suini per poter dar corso alla produzione di prodotti a base di carne suina esportabili in Cina. L'attestazione che accompagna i suini vivi al macello rilasciata dal veterinario ufficiale viene allegata alla nota nella versione aggiornata (settembre 219). Per le malattie ad obbligo di denuncia è possibile reperire informazioni sui sistemi informativi istituzionali, mentre per le restanti malattie il veterinario ufficiale - in corso di validazione dell'attestazione sanitaria - potrà avvalersi di dichiarazioni emesse, nei sette giorni precedenti al carico, dal veterinario dell'azienda debitamente sottoscritte.
Dal macello agli impianti di trasformazione, le carni fresche dovranno essere accompagnate dall'Attestazione sanitaria integrativa per Carni suine fresche destinate alla trasformazione. I modelli di entrambe le attestazioni sanitarie sono forniti in allegato alla nota ministeriale, insieme al Protocollo in materia di ispezione, quarantena e requisiti sanitari veterinari per l'esportazione di carne suina congelata dall'Italia alla Cina.