Cerca nella sezione
Cerca nel Titolo

  • Il successo inizia dalla qualità - TESTO

 

Galline ovaiole, procedura UE contro l’Italia

Fonte: Help consumatori - www.helpconsumatori.it
Data: 29/04/2013


L’Italia è finita dinanzi alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee perché dopo 14 anni, insieme alla Grecia, non ha ancora dato attuazione alla direttiva che vieta l’allevamento in batteria delle galline ovaiole. Il provvedimento comunitario che impone agli allevatori di dare un ambiente più vivibile a questi animali è datato, infatti, 1999 e sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio 2012. Da quella data le gabbie possono continuare ad esistere, ma solo se offrono a ciascuna gallina una superficie pari a 750 cm2, lettiere, posatoi e dispositivi per accorciare le unghie.
Il 26 gennaio 2013 la Commissione UE ha inviato un ultimatum a Roma e ad Atene chiedendogli di mettersi in regola, insieme ad altri 11 Paesi membri. Dei 13 Stati membri che hanno ricevuto la comunicazione da Bruxelles, sono solo Italia e Grecia non hanno ancora provveduto ad attuare la normativa europea. Nonostante ripetuti appelli di Bruxelles ai due Paesi perché affrontino il problema, finora la legge europea non è stata ancora applicata. Di qui la decisione finale di ricorrere alla Corte di giustizia europea.
Il Ministero della Salute si è affrettato a precisare che le norme che evitano il procedimento sono state inserite nel disegno di legge “Legge europea”, approvato in via definitiva dal Governo nel Consiglio dei Ministri del 18 aprile 2013, dopo aver acquisito il parere favorevole della Conferenza Stato-Regioni. Tale disegno di legge potrà pertanto essere presentato alle Camere.